Goodbye

Sono appena tornato dall’ospedale. Un altro attacco di panico, il più forte che ho avuto finora. Mentre ero lì sdraiato, su quel lettino logoro di malati e ammalati di vita, in quello che è stato l’ultimo attacco di panico che ho intenzione di avere, consapevole che non ci sarà una prossima volta, mentre ero lì, con nessuno ad aspettarmi fuori nella sala di aspetto, lì, nelle mani del medico di turno e dell’infermiera gentile dai capelli castani e gli occhi stanchi, non appena la fiala di calmante ha fatto effetto, ho realizzato. Ho capito che…
Il poco tempo passato con lei è stata la cosa migliore che mi sia capitata in trentasei anni.
Il poco tempo passato con lei è stata la cosa migliore che potrebbe mai capitare a un uomo.
Il poco tempo passato con lei è stato migliore di qualsiasi altra cosa abbia vissuto con altre prima di lei.
Dovrà pur contare qualcosa.
So che non leggerà mai queste parole, so che per lei il mio “se non ci metti troppo, ti aspetterò per tutta la vita” non ha significato, so che il titolo di questo articolo dice già tutto, ma comunque…
Grazie!

2 pensieri su “Goodbye

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...