Dizziness

«Ti ho portata qua, su questo pontile in questa ultima domenica di gennaio, non per declamarti romantiche dichiarazioni d’amore, nemmeno per paragonare la bellezza di un tramonto sul mare ai tuoi occhi mentre mi guardano, né tantomeno per indicarti l’orizzonte infinito del mio amore per te.

Ti ho portata qua, su questo pontile in questa ultima domenica di gennaio, nel punto più alto sul mare a me tollerabile (sai, le mie vertigini…) per colmare il più possibile la distanza tra te e le persone che amo e non ci sono più. Affinché mia nonna possa sentire come mi batte il cuore quando siamo vicini, mia sorella possa tendere la mano e sfiorarti i capelli, i miei nonni possano darmi una pacca sulle spalle e sussurrarmi: “Ben fatto Marco, l’hai trovata”.

Ti ho portata qua, su questo pontile in questa ultima domenica di gennaio, per farti comprendere che se amo così tanto chi per sempre non ci sarà più, pensa quanto per sempre possa amare tu che sei qui accanto a me.»

Caress

“Cerca di accettarti così come sei. Non cambiare per piacere agli altri. Chi ti ama, accarezzerà le tue insicurezze. Chi vorrà starti accanto si accoccolerà alle pieghe della tua anima. Sii te stesso sempre. Fatti un dono vero, resta come sei…”

Alda Merini

Knowing

“Dimmi: quando un uomo si innamora per la prima volta, da ragazzo, come fa a sapere che sarà l’unico vero amore della sua vita? Come può saperlo? Come può saperlo?”

Hemingway a A.E. Hotchner

Ambitious

«E non lo so se sia il destino oppure il caso,
ma in questi tempi così ostili e incerti
mi prende l’innocente e un po’ ambizioso
proposito di amarti.
(…)
Perché senza due corpi e
due pensieri differenti,
finisce il mondo.»

Giorgio Gaber

Dear 

mia cara
trova ciò che ami 

e lascia che ti uccida
lascia che ti prosciughi
lascia che si aggrappi 

alla tua schiena e che ti pesi 

trascinandoti nell’insignificanza
lascia che ti uccida 

e che divori i tuoi resti
molte cose 

ti potrebbero uccidere

alcune lentamente

altre velocemente
ma è molto meglio 

essere uccisi da un amore

Charles Bukowski

Alive!

Sono appena tornato da Firenze, dal secondo concerto di Masini di questo 2016 dopo quello di dieci giorni fa a Montecatini. A parte alcuni momenti nostalgici legati a canzoni degli anni ’90 che mi ricordano momenti piacevoli, altri un po’ meno, mi porto nel sonno un verso di una canzone a me molto cara che dice: “Quante volte dovrò morire per sentirmi ancora vivo”.
Oggi, dopo tutto quello che ho passato negli ultimi quattro mesi, dopo decine di attacchi di panico, ansie insormontabili (apparentemente), dolori lancinanti (fisici ed emotivi), dopo aver perso qualcosa (e qualcuno) che non potrò mai più sostituire (no, non posso!), oggi posso contare di essere morto tante volte in 36 anni e potrò morire altrettante volte in futuro, spingetemi pure giù dalle scale o verso un dirupo, ma non smetterò mai di rialzarmi e sentirmi ancora vivo.