Back

Ecco che è tornato, l’attacco di panico. Sapevo che oggi sarebbe successo, speravo di cavarmela ma… fare due passi, ascoltare musica, andarmene a casa e tutte le altre cose che sono solito fare in questi casi non hanno funzionato. Domani devo partire, farmi due ore di macchina, prendere un aereo e indossare un sorriso e l’unica cosa che riesco a fare è respirare con affanno.
Passerà anche questo.
Mi sto sgretolando e non ho la più pallida idea di come ricompormi, se ci riuscirò mai. 
Spero solo di non dover tornare.
But, anyway, who cares?

Sighet

Tra una settimana parto e spero tanto di non dover ritornare, di non dover riconnettermi con certi pensieri e ricordi che sgomitano attenzione nella mia mente. Spero di avere cinque giorni di pace, circondato dai bambini, spero che possano curarmi più di quanto già non stia cercando di farlo da solo.
Spero di non tornare e di lasciare qualche ricordo piacevole nelle persone che non rivedrò.

Sharing


Oggi sono stato ad Arezzo. Da solo. Non c’ero mai stato, conosco poco le città toscane, nonostante abiti in Toscana. Mi piacciono le città medievali.
È difficile fare le cose da solo quando vorresti condividerle con qualcuno in particolare. Però mi ha fatto bene uscire di casa per qualche ora, anche se è stato solo per mezza giornata.
Credo che la condivisione sia la chiave di ogni relazione sana. Che sia una relazione d’amore o di semplice amicizia, se non si è disposti a condividere i propri sentimenti, le proprie esperienze, anche e soprattutto quelle più difficili o che ci imbarazzano di più, che senso ha definirci “animali sociali”? Che senso ha una vita che non possa essere condivisa con le persone che amiamo, che ci fanno stare bene?
Mi manca. Che posso dire di meno banale. Potrei dire che mi spaventa che questa mancanza non potrà essere mai riempita allo stesso modo, mi terrorizza pensare di aver bisogno di riempirla con cose lontanamente vicine a quelle che avevo con lei, mi sconvolge anche il solo pensiero di essere semplicemente stanco di dover riempire vuoti continuamente, nella mia vita.
È terribile lo sforzo che sto facendo per cercare di zittire i miei pensieri. Per quanto ancora potrò farlo?